Skip to main content

La chiave per ottenere clienti - Letras Nómadas

 



Di MATI ORTIZ

Una delle richieste che ricevo più spesso è come ottenere clienti di traduzione. 

Nonostante non esistano formule magiche, in questo post ti spiego il processo più efficace per captare non solo nuovi, ma anche migliori clienti.  

A che punto siamo

Si stima che l’85% dei lavori che esisteranno nel 2030 non siano ancora stati creati.  

Perché tu possa farti un’idea, nel 1989 (quando avevo 9 anni) solo il 6% della popolazione degli USA era freelance. Nel 2020, si è arrivati a circa il 43%. Un altro pronostico è che entro il 2035 il 25% della popolazione mondiale sarà freelance. 

 

Ciò significa che 2.125 milioni di persone saranno nella stessa situazione in cui ti trovi ora, cercando di ottenere clienti in un mondo sempre più competitivo.  

Come cambierà il lavoro freelance

Voglio essere sincero. Per me questa situazione è tanto incoraggiante quanto devastante allo stesso tempo.

Devastante, perché questo tipo di lavoro arriverà ad essere sempre più precario, per la mancanza di normative sulla retribuzione e della difficoltà nell’applicare i diritti dei lavoratori in ambito freelance. 

Chi non sarà pronto per questo cambio, dovrà ricorrere a piattaforme digitali, a condizioni ridicole (ho personalmente visto offerte di redazione di articoli di 500 parole per un compenso di 3 dollari).  

E sappiamo bene che una sola persona al mondo disposta ad accettare questi presupposti è sufficiente per impostare una tendenza nel mercato

La parte incoraggiante è che per la prima volta nella storia, la tecnologia ci dà la possibilità di mostrare al mondo intero tutto ciò che sappiamo fare, indipendentemente dal luogo geografico in cui ci troviamo.

Possiamo creare un negozio online, sviluppare un marchio personale focalizzato su una particolare nicchia, specializzarci e mostrare il nostro valore aggiunto. 

Inoltre, grazie ai social, possiamo mostrare quelle caratteristiche che prima non si evidenziavano nel curriculum: i nostri hobby, i nostri valori, il nostro stile di vita, ecc… 

E per la prima volta, possiamo dimostrare che siamo specialisti nel presentarci in modo efficace a chi ha bisogno dei nostri servizi, e sarà disposto a pagarci. 

I metodi più utilizzati per ottenere clienti 

Possiamo dire che i metodi più utilizzati per ottenere clienti, che sicuramente conosci e utilizzi anche tu, sono:  

  • Contattare agenzie di traduzione con una mail di presentazione e un CV.  

  • Contattare clienti diretti.

  • Tenere d’occhio le offerte sulle piattaforme digitali specializzate in traduzione. 

  • Registrarsi nelle piattaforme generali di lavoro freelance (sì, quelle che praticamente non pagano) e cercare proposte che coincidano con le tue condizioni. 

 

Sai già quali sono i rischi del cercare i clienti con questi metodi: la standardidazzione dei tuoi servizi  (vali quanto un altro); la poca visibilità; lo stress del non perdere di vista le offerte di lavoro pubblicate; il processo di candidatura; prove; ecc., ecc…

In queste piattaforme sei nient’altro che un traduttore tra tanti

Allora…come ottenere clienti?

Le giornate sono fatte di 24 ore, e non puoi passarle tutte a tradurre. 

La prima domanda che dovresti farti è: quanti clienti puoi avere evitando di collassare?  

Per me, l’importante non è avere molti clienti, ma buoni clienti.  

Solo così possiamo dare una svolta concreta.

La buona notizia è che esiste un modo per ottenere migliori clienti, ed è attraverso la creazione del tuo marchio personale

 

La prima cosa da fare è creare le basi del tuo marchio 

1. Costruisci le fondamenta

Perché le fondamenta siano robuste, bisogna innanzitutto lavorare su noi stessi.  

Ti servirà porti le seguenti domande:

a) Perché lo faccio? Perché voglio tradurre? In che modo posso apportare valore al mio cliente? 

La risposta dev’essere relazionata alla soluzione che vuoi dare al tuo cliente tramite i tuoi servizi di traduzione. 

b) Qual è il mio beneficio?  

Qualsiasi cosa tu faccia, devi farla con passione, e sentire che stai aiutando ma anche imparando durante il processo.  

c) Scopri i tuoi punti di forza, le tue debolezze, il tuo margine di miglioramento e le minacce a cui fai fronte. 

Se non hai ancora realizzato quest’analisi, inizia da lì, in quanto ti darà la sicurezza per sapere chi sei e dove ti trovi all’interno del tuo ambito, oltre a individuare cosa puoi migliorare o sfruttare. 

 

(Questo test gratuito è un buon strumento per scoprire aspetti chiave della tua personalità, utili per fare questo tipo di analisi). 

2. Crea tu marca personal

a) Definisci cosa vuoi tradurre, ovvero, la tua specializzazione o nicchia.  

b) La scelta di una nicchia dev’essere accompagnata da uno studio di mercato*, per conoscere il tuo potenziale pubblico e la tua competenza, oltre ad avvalorare la tua idea e fissare le tue tariffe. 

c) Qual è il tuo valore aggiunto?

Secondo il marketing, devi pensare a qual è il tuo valore aggiunto secondo la PUV (Proposta Unica di Valore). Pensa a cosa ti rende diverso dagli altri colleghi che offrono lo stesso servizio.  

d) Identifica il tuo cliente ideale

In quanto traduttore, puoi scegliere con quali clienti vuoi lavorare.

In quest’articolo* potrai scoprire i passi per definire il tuo cliente ideale. 

e) Disegna il tuo marchio personale

Pensa al nome del tuo progetto e ad un simbolo che lo possa riassumere e rappresentare. Disegna il tuo logo, scegli i colori, i caratteri che ti piacciono, le immagini che vuoi usare per il tuo sito. 

3. Crea una pagina web imprenditrice

Il tuo sito è il tuo business, dove mostrerai ai tuoi clienti ciò di cui ha bisogno per fidarsi di te.

Per questo è necessario inserire tutta l’informazione che hai su di te, il tuo cliente ideale e la nicchia che hai scelto. Potrai inoltre creare un blog che apporti valore ai tuoi clienti.

Ricapitoliamo: fin qui dovresti aver definito chi sei come traduttore, in cosa ti vuoi specializzare, aver disegnato il tuo marchio personale e aver creato il tuo sito internet, includendo un blog. 

4. La tua diffusione per ottenere clienti 

Per farti conoscere puoi:

a) Muoverti nei social in cui puoi trovare il tuo cliente.  

Partecipa a gruppi della tua nicchia.

Pubblica con frequenza.

b) Utilizzare pubblicità a pagamento.

c) Attraverso competenze specifiche.

Un buon modo per entrare in contatto con il tuo potenziale cliente è comprando i suoi prodotti o servizi.  

d) Con un networking effettivo.

Connettiti con colleghi e clienti, togliti qualsiasi dubbio e informati sulle loro strategie. 

Participa ad eventi relazionati alla tua professione o nicchia. 

5) E per ultimo ma non meno importante: utilizza l’email marketing.

Comunica con le persone che ti seguono, con i tuoi clienti attuali e potenziali, a intervalli regolari. È il miglior modo per trasmettere i tuoi valori, la tua esperienza, la tua formazione, ecc…

Che benefici avrai nell’applicare questi passi 

I benefici immediati sono:

  • Lavorare in ciò che vuoi, con chi vuoi. 

  • Avere un business online che lavora per te 24/7.

  • Aumentare la tua autorità nella tua nicchia.

Conclusione: come ottenere clienti?

Primo: conosci te stesso e definisci la tua nicchia. 

Secondo: conosci il tuo cliente e scopri come puoi aiutarlo.  

Terzo: crea il tuo business online.

Quarto: racconta al mondo cosa fai attraverso i social e il networking. 

 

La magia si crea quando lavori con il tuo cliente. Quando il tuo cliente dice: “Questa persona sa di cosa ho bisogno. Voglio lavorare con lei.”


*Articoli sostituiti con alternative in italiano.


 Testo tradotto e pubblicato sotto licenza di Letras Nómadas (@letras.nomadas). Tutti i diritti sono riservati. 



Comments

Popular posts from this blog

Come superare la paura a vendersi come traduttori - Letras Nómadas

  Di MATI ORTIZ Come traduttore, provavo terrore all’idea di vendere i miei servizi.  Sì, la parola è proprio questa, terrore. E perché negarlo, odiavo con tutto me stesso doverlo fare.  Pensavo fosse sbagliato, che fosse sinonimo di pratiche scorrette, fraudolente, ero persino arrivato a pensare che vendersi significasse essere poco sincero e poco trasparente.  Il cammino imprenditoriale mi è servito per cambiare questo concetto.   E nonostante all’inizio sia stata dura, sono poi riuscito a far pace con la vendita. Oggi non mi fa più paura espormi e raccontare al mondo cosa faccio e con chi lo faccio. Ho fiducia nella qualità dei miei servizi di traduzione e copywriting, e nelle mie tariffe.  Ma so che lì fuori ci sono ancora molti traduttori che hanno paura nel promuoversi, mostrarsi, e vendersi, ed è del tutto normale , poiché nessuno ci ha mai insegnato a farlo.   Ogni volta in cui menziono ai traduttori il “vendere i nostri servizi”, noto le stesse espressioni di paura, spavento

Incontri - uovonero edizioni

Oggi presento un progetto molto interessante, che condivido con gioia: uovonero edizioni. A parlarcene è Lorenza Pozzi, socia della casa editrice. Lorenza ci racconti un po' il tuo percorso?  Dopo il Liceo Linguistico, ho frequentato la facoltà di Lettere Moderne, laureandomi in Storia del Teatro e dello Spettacolo con una tesi sul Teatro di Narrazione. Con alcuni amici, a fine anni Novanta abbiamo poi fondato Primaora, una società cooperativa, che per più di dieci anni ha lavorato con Enti e scuole nel territorio lodigiano, nel campo dell’organizzazione di eventi, della grafica, del web design e anche dell’educazione alla lettura e ai media nelle scuole di ogni ordine e grado: ho seguito progetti di alfabetizzazione informatica, di promozione della lettura e di giornalismo. Ho sempre amato leggere e scrivere, frequentato fiere del libro, gruppi di lettura e scrittura: i libri e la letteratura sono il mio mondo. Com'è nata l'idea di uovonero?  L’idea che sta alla base di uo

Come superare la sindrome del burnout Letras Nómadas

   Di MATI ORTIZ Noi traduttori siamo specialisti nel vivere in prima persona la sindrome del   burnout (conosciuta anche come logoramento psicologico o stanchezza cronica).   Ci stressiamo quando non abbiamo lavoro, perché non sappiamo come arrivare a fine mese, risparmiare per affrontare i mesi duri o pagare le “vacanze”.    Ci disperiamo .   Per evitare tutto ciò, quando il lavoro arriva ci sovraccarichiamo e finiamo per vivere tra progetti che si accavallano uno con l’altro , deadlines urgenti e tariffe basse. Sempre con la possibilità che ci tocchi un rush con consegna alle 7 del mattino, tenendoci svegli quasi tutta la notte.    Torniamo a disperarci .   E questa disperazione diventa la nostra realtà quotidiana. Si solidifica. Silenziosamente, giorno dopo giorno, piano piano, ci corrode e ci consuma. Risucchia la nostra energia, il combustible che il nostro corpo utilizza per creare, immaginare e disegnare la nostra vita.     Restiamo , letteralmente , bruciati . Cos’è la si