Skip to main content

Intuizione… un dono divino - Vida Simples

 


Di MARGOT CARDOSO

Ti sei già ritrovato davanti una scelta che secondo qualsiasi logica e consiglio portava all’opzione A, ma tu hai invece optato per la B? E nonostante non riuscissi a spiegarlo razionalmente, la tua scelta si è rivelata perfetta? Sì. Sto parlando dell’intuizione. Ma di cosa parliamo esattamente quando parliamo di intuizione? Per il filosofo Henri Bergson (1859-1941), si tratta di imparare riguardo il sapere senza la mediazione della ragione. Qualcosa come una conoscenza istintiva.  

Nel frattempo questo “sapere”, associato anche a ispirazione, è difficile da assumere. Durante secoli siamo stati modellati dalla credenza per cui siamo esseri razionali. È ciò che ci distingue, la nostra superiorità e leadership di fronte agli altri esseri animali. Dunque dovrebbe essere corretto che quando si opta per una decisione intuitiva, si cerchino giustificazioni razionali per spiegare quella decisione agli altri (o persino a se stessi). Solo più tardi, avvolti nei nostri pensieri più profondi, assumiamo  finalmente che quelle spiegazioni razionali non erano vere. 


Non razionalizzare!

Se assumessi di essere stato guidato dall’intuizione, o semplicemente incarnassi il personaggio Chicó di Ariano Suassuna*, “non so, so solo che è così” saresti già più tranquillo. Forse potresti sperimentare un leggero sconforto per non saperti al comando  della tua vita. Che sia per ignoranza o insicurezza, l’intuizione non è ben vista, non gode di credibilità. Forse l’intuizione è più tollerata nella donna, ma lo stesso poco apprezzata. Si riconosce l’intuizione femminile, così come si riconoscono la sua sensibilità e debolezze. Lo stesso Henri Bergson ha vissuto questo preconcetto. Pensatore brillante, studiato fino ai giorni nostri, fu una specie di filosofo-celebrità. Nonostante ciò, i suoi critici cercavano sempre di evidenziare che il pubblico delle sue conferenze fosse principalmente femminile, un modo di sminuire la qualità del suo pensiero. 

Instinto + intuizione + ragione

Nonostante lo scetticismo, l’intuizione è da sempre parte dell’essere umano. Nella preistoria, si contava sull’istinto per sopravvivere in un mondo sfavorevole e pericoloso. Ma con l’istinto c’era anche l’intuizione, o il pensiero non cosciente. In seguito all’evoluzione, l’homo sapiens, ha costruito strumenti, creato lingue, sviluppato il pensiero astratto e consolidato conoscenze. Era arrivata l’era della conoscenza, della mente razionale, del primato dell’intelletto. Qui l’istinto smise di rimanere in primo piano, e insieme a lui, l’intuizione. Ma anche se relegata, l’intuizione rimane, aleggia sull’istinto e la razionalità. 

Radura nella foresta

Nonostante la filosofia di trattare poco l’intuizione, questa si è generosa nel mostrare il suo terreno. Platone scrive che l’uomo è composto da due parti. Siamo un corpo e un’anima dove il corpo è inserito. Il corpo è legato al temporale, al mondo materiale, alla nostra animalità; l’anima è una specie di frammento dell’intelligenza universale. Per Platone, siamo l’unico essere vivente ad avere temporalità ed eternità abitando insieme. 

Altri filosofi, come il tedesco Kant, inseriscono l’essere umano nelle categorie immanente e trascendente. Vive nel presente, è materiale, è mortale, sono caratteristiche immanenti. Sono percepite dai sensi, da ciò che è reale, ciò che si vede. Ma l’essere umano ha anche una parte che va oltre tutto ciò. Può trascendere questo limite materiale. Alcuni chiamano questa possibilità “spiritualità”. Heidegger lo definisce come condizione di "apertura". L’essere umano ha un’apertura per la trascendenza, per il divino. È una “radura nella foresta”, un cammino disponibile per l’uomo, che può percorrere o semplicemente guardare da lontano. Ma è lì. Tutti questi concetti descrivono il luogo dell’intuizione.


Intuizione cercasi

Ma perché parlare di intuizione in un mondo eccessivamente tecnologico e complesso, dove il tema caldo è la meraviglia delle macchine e il potere dell’intelligenza artificiale? Esattamente per questo motivo. La mente razionale è potente, ma limitata. Non riesce a gestire la complessità e il volume astronomico di informazioni. Sorge dunque una specie di salvataggio dell’intuizione, e questa diventa il grande fattore di differenza per l’essere umano. Tanti stanno tornando ad Albert Einstein, praticamente l’unico uomo della scienza che riconobbe il potere dell’intuizione. Secondo lui, l’intuizione è un dono divino. E guarda che coincidenza: contemporaneo di Albert Einstein, Henri Bergson discusse con lui la natura del tempo. Studi recenti ammettono che una buona intuizione amplifica la qualità, precisione e capacità di decisione, e inoltre, migliora l’applicazione delle conoscenze accumulate.

Io intuisco….

E non è soltanto nei grandi drammi individuali dove l’intuizione si rivela necessaria. L’industria farmaceutica, le imprese di innovazione, l’industria creativa, il mondo corporativo...tutti inseguono l’intuizione. Il problema è che non si sa come accedervi, ma esistono delle piste. Si sa ad esempio, che si ha bisogno di un contesto specifico. L’intuizione da il meglio di sè solo nel silenzio, nell’ozio, nella leggerezza. Per accedervi, è necessario connettersi con se stessi, essere disponibili a vederla.  Ti mostro qui di seguito alcuni possibili terreni di intuizione.

Non fare nulla

Riserva del tempo per non far nulla.. Siediti su una panchina di un giardino o di una piazza, prendi un caffè con calma...e spegni il telefono. Libera la tua mente e rilassati. Se qualcuno ti guardasse come se fossi un extraterrestre, non ti preoccupare. Resisti!

Divertiti

Hai perso la capacità di giocare? “Così non va” direbbe Einstein. Abbraccia lo spazio per il ludico, molti musei offrono  performances interattive. Se hai figli, ottimo, lasciati coinvolgere nel loro mondo. Se non ne hai...fallo con un nipote, o con figli di amici.  

Cura e rifugio

Non esiste luogo migliore per praticare l’astrazione dal tempo che la natura. Cerca di fare delle camminate, senza telefono né musica. La natura e l’intuizione condividono lo stesso ritmo.

Che pigrizia!

Archimede era in una vasca quando gli venne in mente la soluzione del problema. Quando gridò “eureka!” era ancora bagnato e seminudo. Dimentica tutto ciò che hai interiorizzato sulla pigrizia. È un preconcetto del passato, oggi è un lusso, un indicatore di salute. Il cervello dell’essere umano moderno ha bisogno disperatamente di riposo. 

Coltiva la libertà intellettuale

Sviluppa ed esercita la capacità di astrazione, l’anticamera dell’intuizione. Hai un corpo schiavizzato da un grafico spazio/tempo, ma la tua mente è libera. Leggi libri su temi distanti dalla tua professione, dal tuo tempo e dalla tua realtà. Dedicati a un libro scritto da qualcuno che ha vissuto più di 2000 anni fa, o da autori con una cultura molto diversa dalla tua, come i romanzieri russi.

A questo punto penso tu abbia percepito il problema. Oggi questi stati o esercizi sono rari. Per alcuni, sono una specie di follia. Ma non esiste un cammino alternativo. Per creare il nuovo, l’impensabile, l’imprevedibile, la ragione non funziona. Per imparare la grandezza della realtà, la sua forza, la sua complessità, la sua bellezza...Abbiamo bisogno di qualcosa di più della razionalità. Abbiamo bisogno di intuizione.  

* Ariano Suassuna è un noto drammaturgo, romanziere e poeta brasiliano.


Testo tradotto e pubblicato sotto licenza della rivista brasiliana Vida Simples (@vidasimples). Tutti i diritti sono riservati. 

Testo originale: https://vidasimples.co/colunistas/intuicao-essa-dadiva-divina/

Comments

Popular posts from this blog

Incontri - Elisabeth Lopes

Nuovo anno, nuovi incontri. Questo mese abbiamo il piacere di conoscere Elisabeth Lopes, traduttrice e Localization Manager ad ABA English. Una scuola di inglese 100% online, che ha già raggiunto oltre 30.000 studenti in tutto il mondo. Elisabeth potresti raccontarci un po’ della tua infanzia, che trovo molto peculiare?   Quali sono le tue origini? I miei genitori sono nati a Capo Verde, una vecchia colonia portoghese, e si sono trasferiti in Spagna alla fine degli anni Settanta. Sono cresciuta parlando spagnolo (la mia lingua materna), creolo capoverdiano, portoghese e gallego, poiché vivevamo nel nord, in una zona molto vicina alla Galizia. Nel villaggio i miei amici d’infanzia erano tutti figli di immigrati capoverdiani o portoghesi, e a scuola avevamo anche lezioni di portoghese. In questo contesto, ho sempre sentito di far parte di due culture, aspetto comune dei figli di immigrati.    In tutto questo so che hai anche una particolare passione per la lingua italiana, è corretto?  

Incontri - Alan Zeni

  Sono felice di poter aprire questo ciclo di incontri mensili con Alan Zeni, scrittore (e molto altro) originario di Lodi, autore della serie I baci di Za . Una piacevolissima scoperta , una ricca esperienza poetica e visiva, arricchita da una traduzione in inglese.   Alan ci racconti un po' come inizia il tuo percorso? Il contesto  in cui sei cresciuto ha contribuito al tuo avvicinamento al mondo dell'arte? Inizia dentro di me e lì ci resta per tanto, troppo tempo. Che volessi esprimermi, sperimentare, creare qualcosa, mi era chiaro fin dall’infanzia. Da lì a trovare il coraggio e la motivazione per farlo...ci sono voluti 26 anni. Sono cresciuto a pochi chilometri da Milano, in una città architettonicamente bellissima, con una storia interessante, insomma con qualcosa di concreto legato alla bellezza e all’arte. Però una città che non sa trarre né piacere né profitto da tutta questa ricchezza. È una città quella di Lodi che ha sempre guardato alla fame della panza più che all

Come superare la paura a vendersi come traduttori - Letras Nómadas

  Di MATI ORTIZ Come traduttore, provavo terrore all’idea di vendere i miei servizi.  Sì, la parola è proprio questa, terrore. E perché negarlo, odiavo con tutto me stesso doverlo fare.  Pensavo fosse sbagliato, che fosse sinonimo di pratiche scorrette, fraudolente, ero persino arrivato a pensare che vendersi significasse essere poco sincero e poco trasparente.  Il cammino imprenditoriale mi è servito per cambiare questo concetto.   E nonostante all’inizio sia stata dura, sono poi riuscito a far pace con la vendita. Oggi non mi fa più paura espormi e raccontare al mondo cosa faccio e con chi lo faccio. Ho fiducia nella qualità dei miei servizi di traduzione e copywriting, e nelle mie tariffe.  Ma so che lì fuori ci sono ancora molti traduttori che hanno paura nel promuoversi, mostrarsi, e vendersi, ed è del tutto normale , poiché nessuno ci ha mai insegnato a farlo.   Ogni volta in cui menziono ai traduttori il “vendere i nostri servizi”, noto le stesse espressioni di paura, spavento