Skip to main content

Hai già sentito parlare di una conoscenza di sé tossica? - Prosa Coaching



Di JULIANA DE MARI

La conoscenza di sé, o la scoperta di se stessi, è un processo personale ed unico, che non può essere condizionato o imposto da modelli altrui.  

La conoscenza di sé è sempre un’ottima cosa, vero? Voglio correre il rischio di dire che dipende! Dipende dal modo in cui si sta affrontando il processo. La conoscenza di sé è un flusso continuo, che si rivela man mano che ci “investighiamo” e sperimentiamo; è uno sdoppiamento in termini di nuovi pensieri, sentimenti e comportamenti, tutti ben accetti.


Se il tuo cammino ti sta conducendo a riflessioni che ti fanno sentire più presente nella tua vita, questo è positivo, nonostante non sempre sia rapido o comodo. Ma se la scoperta di sé sta creando più “compiti” che comprensione o appagamento, attenzione! 


Potremmo essere stati catturati da un’idea totalmente tossica di crescita, ed è possibile che stiamo associando alla conoscenza di sé esattamente ciò che non comporta: una visione perfetta di noi stessi! Quanto più ci conosciamo, meno abbiamo bisogno di nascondere le nostre mancanze e ferite. Quanto più ci scopriamo, più ci connettiamo alle nostre abilità, potenzialità e colori, poiché questo è ciò che siamo in quanto esseri umani.


Ho visto molte persone (genuinamente in cerca di evoluzione) farsi ammaliare da nuove abitudini. Non perché stessero funzionando meglio con quei nuovi criteri, ma solo perché stanno usando ciò che è stato applicato da altri come strumento per definire le esperienze valide per la propria vita. Il problema è che non tutto ciò che funziona per la vita altrui serve anche alla nostra.


Il modo in cui gli altri si comportano dovrebbe ispirarci, ma mai dettare la forma in cui comportarci noi stessi. Percepisci la differenza? Se continuiamo a rincorrere ciò che troviamo al di fuori come parametro per ciò che vogliamo esprimere da dentro, quello che abbiamo dentro può perdere molta forza. Non dovremmo sentirci in colpa in merito a cosa dovremmo fare per essere (o apparire) una persona che “prende cura di sé”. 


I social media sono pieni di oppressione offerta come soluzione. Dobbiamo fare attenzione a non irrigidire il nostro contatto con la realtà a tal punto da trasformare la conoscenza di sé in un’altra forma di distrazione, o addirittura di prigione. Nel dubbio, rincorriamo i nostri valori (cos’è ciò che conta davvero per noi? come vogliamo sentirci facendo ciò che desideriamo?) e usiamo l’immaginazione per dare all’energia della creazione che è già dentro di noi, un movimento gentile e possibile al di fuori. Al nostro ritmo, a modo nostro, a partire dalle nostre credenze e dalla nostra prontezza a reagire, questo sarà sempre il modo migliore per conoscere se stessi.


Testo tradotto sotto licenza di @prosacoaching. Tutti i diritti sono riservati. 


Comments

Popular posts from this blog

Incontri - Elisabeth Lopes

Nuovo anno, nuovi incontri. Questo mese abbiamo il piacere di conoscere Elisabeth Lopes, traduttrice e Localization Manager ad ABA English. Una scuola di inglese 100% online, che ha già raggiunto oltre 30.000 studenti in tutto il mondo. Elisabeth potresti raccontarci un po’ della tua infanzia, che trovo molto peculiare?   Quali sono le tue origini? I miei genitori sono nati a Capo Verde, una vecchia colonia portoghese, e si sono trasferiti in Spagna alla fine degli anni Settanta. Sono cresciuta parlando spagnolo (la mia lingua materna), creolo capoverdiano, portoghese e gallego, poiché vivevamo nel nord, in una zona molto vicina alla Galizia. Nel villaggio i miei amici d’infanzia erano tutti figli di immigrati capoverdiani o portoghesi, e a scuola avevamo anche lezioni di portoghese. In questo contesto, ho sempre sentito di far parte di due culture, aspetto comune dei figli di immigrati.    In tutto questo so che hai anche una particolare passione per la lingua italiana, è corretto?  

Incontri - Alan Zeni

  Sono felice di poter aprire questo ciclo di incontri mensili con Alan Zeni, scrittore (e molto altro) originario di Lodi, autore della serie I baci di Za . Una piacevolissima scoperta , una ricca esperienza poetica e visiva, arricchita da una traduzione in inglese.   Alan ci racconti un po' come inizia il tuo percorso? Il contesto  in cui sei cresciuto ha contribuito al tuo avvicinamento al mondo dell'arte? Inizia dentro di me e lì ci resta per tanto, troppo tempo. Che volessi esprimermi, sperimentare, creare qualcosa, mi era chiaro fin dall’infanzia. Da lì a trovare il coraggio e la motivazione per farlo...ci sono voluti 26 anni. Sono cresciuto a pochi chilometri da Milano, in una città architettonicamente bellissima, con una storia interessante, insomma con qualcosa di concreto legato alla bellezza e all’arte. Però una città che non sa trarre né piacere né profitto da tutta questa ricchezza. È una città quella di Lodi che ha sempre guardato alla fame della panza più che all

Come superare la paura a vendersi come traduttori - Letras Nómadas

  Di MATI ORTIZ Come traduttore, provavo terrore all’idea di vendere i miei servizi.  Sì, la parola è proprio questa, terrore. E perché negarlo, odiavo con tutto me stesso doverlo fare.  Pensavo fosse sbagliato, che fosse sinonimo di pratiche scorrette, fraudolente, ero persino arrivato a pensare che vendersi significasse essere poco sincero e poco trasparente.  Il cammino imprenditoriale mi è servito per cambiare questo concetto.   E nonostante all’inizio sia stata dura, sono poi riuscito a far pace con la vendita. Oggi non mi fa più paura espormi e raccontare al mondo cosa faccio e con chi lo faccio. Ho fiducia nella qualità dei miei servizi di traduzione e copywriting, e nelle mie tariffe.  Ma so che lì fuori ci sono ancora molti traduttori che hanno paura nel promuoversi, mostrarsi, e vendersi, ed è del tutto normale , poiché nessuno ci ha mai insegnato a farlo.   Ogni volta in cui menziono ai traduttori il “vendere i nostri servizi”, noto le stesse espressioni di paura, spavento