Skip to main content

Come superare la sindrome del burnout Letras Nómadas

 


 Di MATI ORTIZ


Noi traduttori siamo specialisti nel vivere in prima persona la sindrome del  burnout (conosciuta anche come logoramento psicologico o stanchezza cronica).  

Ci stressiamo quando non abbiamo lavoro, perché non sappiamo come arrivare a fine mese, risparmiare per affrontare i mesi duri o pagare le “vacanze”. 

 

Ci disperiamo.

 

Per evitare tutto ciò, quando il lavoro arriva ci sovraccarichiamo e finiamo per vivere tra progetti che si accavallano uno con l’altro, deadlines urgenti e tariffe basse.


Sempre con la possibilità che ci tocchi un rush con consegna alle 7 del mattino, tenendoci svegli quasi tutta la notte. 

 

Torniamo a disperarci.

 

E questa disperazione diventa la nostra realtà quotidiana. Si solidifica.

Silenziosamente, giorno dopo giorno, piano piano, ci corrode e ci consuma.

Risucchia la nostra energia, il combustible che il nostro corpo utilizza per creare, immaginare e disegnare la nostra vita.  

 

Restiamo, letteralmente, bruciati.

Cos’è la sindrome del burnout?

Si tratta di un un disturbo emotivo che fu studiato a lungo e definito per la prima volta nel 1970 dallo psicologo Herbert Freudenberger.

 

Lo stress è un picco di pressione mentale ed emotiva di fronte ad una determinata situazione che non possiamo evitare (fa parte della vita).  

Ma se questo tipo di situazioni si ripete più volte in ambito lavorativo, lo stress diventa cronico.  

A lungo andare, sviluppiamo strategie per sopportare queste pressioni. Lo facciamo una, due, tre, 50 volte se necessario. 

 

Tuttavia, essere soggetti a costanti urgenze, attenzione al dettaglio, concentrazione e oltretutto mancato riconoscimento, crea il cocktail perfetto che ci porta a perdere la capacità di gestire queste situazioni. 

 

Noi cambiamo ma ciò che ci circonda non cambia. Sarà sempre lì. Dovremmo sempre stressarci per rispettare le deadline, altrimenti l’agenzia non ci darà altro lavoro.  

 

E se perdiamo un cliente, entriamo in ulteriore stress per aver perso un lavoro, per dover inviare CV ovunque, fare test a oltranza...ecc. E il circolo vizioso continua.  

Arriva il giorno in cui ci stanchiamo e ci arrendiamo. Ed è li che arrivano l’apatia, la demotivazione, la depressione, la mancanza di pazienza e comprensione. Ed è normale essere esausti. 

Ci siamo abbattuti. Ci hanno abbattuto.

Avvertenza

Qualsiasi somiglianza con la tua realtà non è pura coincidenza.

 

Se ti sei ritrovato in almeno due fattori che descrivo qui sopra, avrai già capito che ti trovi nel circolo della síndrome del burnout.

Che tu te ne renda conto è già un passo importantissimo.

Ma automaticamente ti mette in una situazione di consapevolezza, e questo richiede azione

E se c’è qualcosa di peggio che ritrovarsi in un circolo vizioso, è sapere di continuare a girarci intorno senza avere li strumenti necessari, o il coraggio per uscirne. 

 

Sintomi del logoramento psicologico


 

Síntomas del síndrome del burnout en traductores

 


Questi sintomi possono cambiare, sparire per un po’, lasciar spazio ad altri e apparire di nuovo. 

Insomma, vanno e vengono, ma non spariscono. 


I principali sintomi sono:

Stanchezza estrema:

Stanchezza generale, tanto fisica quanto mentale (a me capitava di respirare a fondo pensando: “sono stanco!”).

Bisogna fare attenzione ai propri pensieri 

 

Riduzione dell’impegno lavorativo 

 

Di fronte a tanto stress e demotivazione, scegliamo di non dedicare più di tanto alle attività assegnate, e non vediamo l’ora di terminare il tutto. Una buona domanda da porsi è: faremmo questo lavoro anche gratuitamente? 

Ostilità

Il burnout provoca fotri cambi di stato d’animo, irascibilità e nervosismo, tanto verso i propri colleghi quanto la famiglia e gli amici.  

 

Demotivazione e bassa autostima 

 

Ci siamo fatti in quattro per rispettare una scadenza urgente. Sicuramente abbiamo sacrificato cose importanti, e nessuno lo riconosce. E il peggio è che domani succederà di nuovo. 

Bassa aspettativa sul lavoro. 

Di fronte alla possibilità di portarci avanti con il lavoro iniziamo a demotivarci. Questo provoca una valutazione negativa del futuro e una critica o denigrazione del nuostro ruolo professionale. Diciamo cose come: “sono i rischi del mestiere”, “così vanno le cose” o “non ho scelta”.

Problemi di concentrazione

È impossibile mantenere lo stesso ritmo tutti i giorni, poiché le giornate possono cambiare sia a livello fisiologico che emotivo. Ci sono giornate migliori o peggiori.  

Ma in ambito lavorativo non possiamo fallire. Lo stress ripetitivo fa in modo che il nostro livello di attenzione si abbassi, e aumenti il rischio di commettere errori. 

Ansia e depressione 

Vediamo come un pericolo il non poter realizzare la nostra attività in un determinato modo o non rispettare la scadenza prevista. Questa minaccia ci rende sempre più tristi, poiché non vediamo una via d’uscita.  

 

 

Negazione dei sintomi esistenti 

 

Siamo abituati a sottostimare tutti questi sintomi e ci diciamo che essere traduttori è anche questo.  

Tutto si accumula con il tempo fino a che collassiamo, entriamo in crisi e iniziano a manifestarsi i problemi di salute. 

Esiste un trattamento per la sindrome del burnout?

Un trattamento specifico forse no, ma è possibile agire e mettere in pratica tecniche efficaci per combattere questi sintomi. 

Secondo gli esperti, queste tecniche sono:  

 

Rilassamento

 

Praticare meditazione, yoga, respirazione cosciente, prendersi delle pause, ascoltare musica (a me serve molto ascoltare e ripetere dei mantra).

Fare sport

Prendere l’abitudine di realizzare un’attività fisica costringe il nostro cervello a pensare a qualcos’altro. L’ideale sarebbe un’attività che richieda la tua attenzione per non farti pensare al lavoro mentre la realizzi. Ad esempio, quando faccio trekking non riesco a smettere di pensare. Personalmente, questa attività non mi aiuta a rilassare e disconnettere del tutto.


Parlarne

Puoi spiegare come ti senti a un amico o familiare. Ma se non vuoi far preoccupare nessuno e preferisci un’opinione più oggettiva, un coach o terapeuta potrebbero essere l’opzione migliore.  

 

Dividi e trionferai 

 

Avere un obiettivo a lungo termine può spaventare. Ti aiuterà dividerlo in obiettivi più piccoli che siano specifici, misurabili e raggiungibili e che dipendano solo da te.  

Non è lo stesso dire “inizio ad andare in palestra” piuttosto che “inizierò ad andare in palestra tutti i martedì e giovedì dalle 10 alle 11”.

 

Sei ciò che mangi

 

Sicuramente avrai già detto questa frase: “mangio una cosa veloce e continuo a lavorare”. Il cibo è ciò che dà energia al tuo cervello e per questo dev’essere naturale, leggero e salutare. 

Un obiettivo in questo senso potrebbe essere mangiare almeno un frutto al giorno.

Avere pazienza e conoscere se stessi 

Capire il tuo stato d’animo quando ti svegli al mattino, come ti senti e se sia davvero il giorno giusto per mettersi pressione è un buon modo per abbassare il livello d’ansia. Molta volte la pressione arriva proprio da noi stessi, come l’alzare il livello di esigenza sul lavoro.  

E poi che succede?

Oltre a tutto ciò che facciamo, i fattori stressanti (tanto interni como esterni) non spariranno mai; saranno sempre lì a dirci: Ciao! Siamo venuti a disturbarti.

Abbiamo già provato tutto ciò che avevamo a nostra disposizione, e continuiamo a sentirci stressati? La situazione non cambierà, e a volte siamo noi stessi a non volerlo fare.

 

A me è successo in ufficio. Ho capito che per crescere avrei dovuto abituarmi allo stress, ad avere una corazza, a rinunciare ad essere me stesso per diventare una persona che non volevo essere. Tutto per essere “professionale”, per avere uno stipendio sicuro e riuscire ad avanzare. Se arriviamo a questo punto, la soluzione è una sola.

Cambiare lavoro. 

Però, se stiamo traducendo è perché ci appassiona, perché abbiamo studiato tanto per poterlo fare, perché è professione che abbiamo scelto.

 

“Allora Mati… non esiste via d’uscita?”

 

C’è sempre una via d’uscita.

La vera soluzione alla sindrome del burnout

L’uscita corrisponde al cambio del nostro mindset.

Dobbiamo iniziare a pensare fuori dagli schemi. Acquisire strumenti per poterci muovere con libertà senza dipendere da clienti tossici

 

Abbiamo un grande vantaggio: facciamo ciò che amiamo. E lavorare con passione è tutto. 

Ora dobbiamo sviluppare le nostre strategie per lottare attivamente contro il burnout.

 

Perché in fin dei conti…

 

Non si tratta di cambiare un’agenzia per un’altra, ma di sentire che lavoriamo con un proposito più grande di noi, e per clienti che condividono la nostra visione.

 

Non si tratta di lavorare meno, ma di farlo in maniera intelligente per generare processi che ci lascino maggiore libertà ed equilibrio

 

Non si tratta di aspettare che la soluzione arrivi dal cielo, ma di disegnare e costruire, con lavoro e passione, la vita che vogliamo.


Oggi sono qui, a scriverti per aiutarti e motivarti.

 

E se io ce l’ho fatta...ci riuscirai anche tu.


Testo tradotto e pubblicato sotto licenza di Letras Nómadas (@letras.nomadas). Tutti i diritti sono riservati. 


Testo originale: https://www.letrasnomadas.com/sindrome-del-burnout-o-sindrome-del-quemado/


Immagine d'entrata:@krisroller

Comments

Popular posts from this blog

Incontri - Elisabeth Lopes

Nuovo anno, nuovi incontri. Questo mese abbiamo il piacere di conoscere Elisabeth Lopes, traduttrice e Localization Manager ad ABA English. Una scuola di inglese 100% online, che ha già raggiunto oltre 30.000 studenti in tutto il mondo. Elisabeth potresti raccontarci un po’ della tua infanzia, che trovo molto peculiare?   Quali sono le tue origini? I miei genitori sono nati a Capo Verde, una vecchia colonia portoghese, e si sono trasferiti in Spagna alla fine degli anni Settanta. Sono cresciuta parlando spagnolo (la mia lingua materna), creolo capoverdiano, portoghese e gallego, poiché vivevamo nel nord, in una zona molto vicina alla Galizia. Nel villaggio i miei amici d’infanzia erano tutti figli di immigrati capoverdiani o portoghesi, e a scuola avevamo anche lezioni di portoghese. In questo contesto, ho sempre sentito di far parte di due culture, aspetto comune dei figli di immigrati.    In tutto questo so che hai anche una particolare passione per la lingua italiana, è corretto?  

4 modi in cui la lingua influenza la nostra vita - Riflessioni di Stef

Parlare più lingue può avere per ciascuno un valore diverso, strettamente legato alla propria esperienza. Nel mio caso, è innanzitutto avere la possibilità di trasformarsi in cinque persone diverse. Esagero forse? Può essere, ma per quanto le lingue che conosco siano prevalentemente latine, ognuna ha sfaccettature, espressioni uniche, parole e suoni che, inconsciamente o no, si riflettono nei miei gesti, nel tono della mia voce. Per una persona introversa come me, diventano la scorciatoia perfetta per poter scappare da un "mondo" all'altro, viaggiare anche solo con la mente, rifugiarsi in altre culture...un vero e proprio incantesimo! Ma una lingua può andare ancora oltre; è capace d'influenzare la propria visione del mondo, il modo con cui rapportarsi con gli altri e il contesto che ci circonda. Ecco dunque 4 esempi per cui il linguaggio può modificare la nostra realtà quotidiana.  #1. Bretagna, dove la possessione non esiste      La lingua bretone è ancora molto imp

Incontri - Alan Zeni

  Sono felice di poter aprire questo ciclo di incontri mensili con Alan Zeni, scrittore (e molto altro) originario di Lodi, autore della serie I baci di Za . Una piacevolissima scoperta , una ricca esperienza poetica e visiva, arricchita da una traduzione in inglese.   Alan ci racconti un po' come inizia il tuo percorso? Il contesto  in cui sei cresciuto ha contribuito al tuo avvicinamento al mondo dell'arte? Inizia dentro di me e lì ci resta per tanto, troppo tempo. Che volessi esprimermi, sperimentare, creare qualcosa, mi era chiaro fin dall’infanzia. Da lì a trovare il coraggio e la motivazione per farlo...ci sono voluti 26 anni. Sono cresciuto a pochi chilometri da Milano, in una città architettonicamente bellissima, con una storia interessante, insomma con qualcosa di concreto legato alla bellezza e all’arte. Però una città che non sa trarre né piacere né profitto da tutta questa ricchezza. È una città quella di Lodi che ha sempre guardato alla fame della panza più che all