Skip to main content

Le piccole cose - Prosa Coaching

 




Di JULIANA MARI

For every minute you're angry you lose sixty seconds of happiness. Così s'intitola l'opera di Julien Germain, una piccola ispirazione per farci pensare a come affrontiamo la vita e alle scelte che possiamo intraprendere per sentirci bene, nonostante tutto. 

Amo ogni cosa di questo libro: i colori, la semplicità del quotidiano, il richiamo al passare del tempo, l'allegria che resta anche dopo la fine di un amore. 



Guardo sempre la foto del protagonista che mangia un gelato sulla spiaggia con i suoi cani, e ad ogni volta non posso evitare di sorridere! Serve a farmi ricordare che la leggerezza vive soprattutto nella spontaneità. 

Charlie, il personaggio del libro, amava i fiori e i nomi dei fiori. Amava i colori e viveva circondato da loro.  Amava sua moglie, che rimase presente nei piccoli ricordi quotidiani. Come dice l'autore, senza neanche volerlo, Charles ci mostra che le cose più importanti di questa vita non costano nulla. 


Cosa ne pensi? Spero che questa riflessione ti sia servita!


Testo tradotto sotto licenza di @prosacoaching. Tutti i diritti sono riservati. 


Comments

Popular posts from this blog

Come superare la paura a vendersi come traduttori - Letras Nómadas

  Di MATI ORTIZ Come traduttore, provavo terrore all’idea di vendere i miei servizi.  Sì, la parola è proprio questa, terrore. E perché negarlo, odiavo con tutto me stesso doverlo fare.  Pensavo fosse sbagliato, che fosse sinonimo di pratiche scorrette, fraudolente, ero persino arrivato a pensare che vendersi significasse essere poco sincero e poco trasparente.  Il cammino imprenditoriale mi è servito per cambiare questo concetto.   E nonostante all’inizio sia stata dura, sono poi riuscito a far pace con la vendita. Oggi non mi fa più paura espormi e raccontare al mondo cosa faccio e con chi lo faccio. Ho fiducia nella qualità dei miei servizi di traduzione e copywriting, e nelle mie tariffe.  Ma so che lì fuori ci sono ancora molti traduttori che hanno paura nel promuoversi, mostrarsi, e vendersi, ed è del tutto normale , poiché nessuno ci ha mai insegnato a farlo.   Ogni volta in cui menziono ai traduttori il “vendere i nostri servizi”, noto le stesse espressioni di paura, spavento

Incontri - uovonero edizioni

Oggi presento un progetto molto interessante, che condivido con gioia: uovonero edizioni. A parlarcene è Lorenza Pozzi, socia della casa editrice. Lorenza ci racconti un po' il tuo percorso?  Dopo il Liceo Linguistico, ho frequentato la facoltà di Lettere Moderne, laureandomi in Storia del Teatro e dello Spettacolo con una tesi sul Teatro di Narrazione. Con alcuni amici, a fine anni Novanta abbiamo poi fondato Primaora, una società cooperativa, che per più di dieci anni ha lavorato con Enti e scuole nel territorio lodigiano, nel campo dell’organizzazione di eventi, della grafica, del web design e anche dell’educazione alla lettura e ai media nelle scuole di ogni ordine e grado: ho seguito progetti di alfabetizzazione informatica, di promozione della lettura e di giornalismo. Ho sempre amato leggere e scrivere, frequentato fiere del libro, gruppi di lettura e scrittura: i libri e la letteratura sono il mio mondo. Com'è nata l'idea di uovonero?  L’idea che sta alla base di uo

Come superare la sindrome del burnout Letras Nómadas

   Di MATI ORTIZ Noi traduttori siamo specialisti nel vivere in prima persona la sindrome del   burnout (conosciuta anche come logoramento psicologico o stanchezza cronica).   Ci stressiamo quando non abbiamo lavoro, perché non sappiamo come arrivare a fine mese, risparmiare per affrontare i mesi duri o pagare le “vacanze”.    Ci disperiamo .   Per evitare tutto ciò, quando il lavoro arriva ci sovraccarichiamo e finiamo per vivere tra progetti che si accavallano uno con l’altro , deadlines urgenti e tariffe basse. Sempre con la possibilità che ci tocchi un rush con consegna alle 7 del mattino, tenendoci svegli quasi tutta la notte.    Torniamo a disperarci .   E questa disperazione diventa la nostra realtà quotidiana. Si solidifica. Silenziosamente, giorno dopo giorno, piano piano, ci corrode e ci consuma. Risucchia la nostra energia, il combustible che il nostro corpo utilizza per creare, immaginare e disegnare la nostra vita.     Restiamo , letteralmente , bruciati . Cos’è la si