Skip to main content

Le piccole cose - Prosa Coaching

 




Di JULIANA MARI

For every minute you're angry you lose sixty seconds of happiness. Così s'intitola l'opera di Julien Germain, una piccola ispirazione per farci pensare a come affrontiamo la vita e alle scelte che possiamo intraprendere per sentirci bene, nonostante tutto. 

Amo ogni cosa di questo libro: i colori, la semplicità del quotidiano, il richiamo al passare del tempo, l'allegria che resta anche dopo la fine di un'amore. 



Guardo sempre la foto del protagonista che mangia un gelato sulla spiaggia con i suoi cani, e ad ogni volta non posso evitare di sorridere! Serve a farmi ricordare che la leggerezza vive soprattutto nella spontaneità. 

Charlie, il personaggio del libro, amava i fiori e i nomi dei fiori. Amava i colori e viveva circondato da loro.  Amava sua moglie, che rimase presente nei piccoli ricordi quotidiani. Come dice l'autore, senza neanche volerlo, Charles ci mostra che le cose più importanti di questa vita non costano nulla. 


Cosa ne pensi? Spero che questa riflessione ti sia servita!


Testo tradotto sotto licenza di @prosacoaching. Tutti i diritti sono riservati. 


Comments

Popular posts from this blog

Incontri - Elisabeth Lopes

Nuovo anno, nuovi incontri. Questo mese abbiamo il piacere di conoscere Elisabeth Lopes, traduttrice e Localization Manager ad ABA English. Una scuola di inglese 100% online, che ha già raggiunto oltre 30.000 studenti in tutto il mondo. Elisabeth potresti raccontarci un po’ della tua infanzia, che trovo molto peculiare?   Quali sono le tue origini? I miei genitori sono nati a Capo Verde, una vecchia colonia portoghese, e si sono trasferiti in Spagna alla fine degli anni Settanta. Sono cresciuta parlando spagnolo (la mia lingua materna), creolo capoverdiano, portoghese e gallego, poiché vivevamo nel nord, in una zona molto vicina alla Galizia. Nel villaggio i miei amici d’infanzia erano tutti figli di immigrati capoverdiani o portoghesi, e a scuola avevamo anche lezioni di portoghese. In questo contesto, ho sempre sentito di far parte di due culture, aspetto comune dei figli di immigrati.    In tutto questo so che hai anche una particolare passione per la lingua italiana, è corretto?  

4 modi in cui la lingua influenza la nostra vita - Riflessioni di Stef

Parlare più lingue può avere per ciascuno un valore diverso, strettamente legato alla propria esperienza. Nel mio caso, è innanzitutto avere la possibilità di trasformarsi in cinque persone diverse. Esagero forse? Può essere, ma per quanto le lingue che conosco siano prevalentemente latine, ognuna ha sfaccettature, espressioni uniche, parole e suoni che, inconsciamente o no, si riflettono nei miei gesti, nel tono della mia voce. Per una persona introversa come me, diventano la scorciatoia perfetta per poter scappare da un "mondo" all'altro, viaggiare anche solo con la mente, rifugiarsi in altre culture...un vero e proprio incantesimo! Ma una lingua può andare ancora oltre; è capace d'influenzare la propria visione del mondo, il modo con cui rapportarsi con gli altri e il contesto che ci circonda. Ecco dunque 4 esempi per cui il linguaggio può modificare la nostra realtà quotidiana.  #1. Bretagna, dove la possessione non esiste      La lingua bretone è ancora molto imp

Incontri - Alan Zeni

  Sono felice di poter aprire questo ciclo di incontri mensili con Alan Zeni, scrittore (e molto altro) originario di Lodi, autore della serie I baci di Za . Una piacevolissima scoperta , una ricca esperienza poetica e visiva, arricchita da una traduzione in inglese.   Alan ci racconti un po' come inizia il tuo percorso? Il contesto  in cui sei cresciuto ha contribuito al tuo avvicinamento al mondo dell'arte? Inizia dentro di me e lì ci resta per tanto, troppo tempo. Che volessi esprimermi, sperimentare, creare qualcosa, mi era chiaro fin dall’infanzia. Da lì a trovare il coraggio e la motivazione per farlo...ci sono voluti 26 anni. Sono cresciuto a pochi chilometri da Milano, in una città architettonicamente bellissima, con una storia interessante, insomma con qualcosa di concreto legato alla bellezza e all’arte. Però una città che non sa trarre né piacere né profitto da tutta questa ricchezza. È una città quella di Lodi che ha sempre guardato alla fame della panza più che all