Skip to main content

Il traduttore e quel dilemma chiamato specializzazione - Letras Nómadas

 


Di MATI ORTIZ

La specializzazione è un tema che preoccupa tutti i traduttori. Questo articolo è per te se: 

 

Hai già  fatto un po’ di strada nella traduzione, hai la tua specializzazione ma senti di non averla scelta davvero, perció ti stai annoiando. 

 

Stai dando i tuoi primi passi ma non sai bene come differenziarti dal resto dei tuoi colleghi e ottenere i tuoi primi clienti. 

 

Ti sei specializzato in un’area che ti appassiona (magari puoi confermare quanto sto per raccontarti). 

 

Qualunque sia il tuo caso, leggi fino alla fine perché sto per mostrarti che ci sono molte più specializzazioni di quelle che hai scoperto all’università

 

Per farlo, sostituirò la parola “specializzazione” con “nicchia”, più legata al mondo imprenditoriale.  

Ed ecco la prima domanda. 

Nicchia equivale a specializzazione? 

Ovviamente, no.  Secondo la Real Academia Española* la parola “nicchia” ha la funzione principale di conservare oggetti. La specializzazione non ha dunque niente a che vedere con tutto ciò.

Da un  lato, la specializzazione è legata ad una traiettoria professionale, un sapere acquisito dai traduttori dopo molto lavoro realizzato in una specifica area, che lo posiziona come linguista esperto di quel settore.  

 

È vero, molti colleghi hanno iniziato in un campo specifico, e senza volerlo o senza rendersene conto, hanno continuato a percorrere quel cammino fino a diventarne esperti. Ma cosa avrebbero voluto tradurre davvero? Vogliono realmente continuare a tradurre lo stesso oggi? 

 

D’altra parte, una nicchia è un luogo, uno spazio immaginario in uno scaffale che esiste indipendentemente da cosa facciamo.  

Cosa sono le nicchie?

“Nicchia” è un termine utilizzato in marketing per indicare un segmento di persone con le stesse caratteristiche e le stesse necessità, che molte volte non sono valorizzate correttamente. 

 

Secondo Wikipedia, una nicchia corrisponde ai seguenti punti: 

  • È un gruppo ristretto.

  • Ha necessità e desideri specifici.  

  • Vuole soddisfare queste necessità.

  • Ha capacità economiche.

  • Richiede operazioni specializzate.

  • Ha una dimensione sufficiente per generare profitto.

 

E sottolineo le ultime tre: una nicchia richiede specialisti, che sono scarsi e per cui è disposta a pagare, in un mercato che ci permetterà di guadagnare.  

 

Nella traduzione, alcune nicchie insegnate all’università sono medicina,  ingegneria, architettura, o traduzione audiovisiva.  Queste sono tuttavia mega categorie, per cui si dovrebbe andare un po’ più nello specifico. 

Micro nicchie

Una micro nicchia è una porzione di consumatori più piccola,  con caratteristiche e necessità molto specifiche. 

 

Ciò significa che scegliere una micro nicchia, comporta molti benefici: 

  • Focalizzi la tua forza in un particolare gruppo di persone. Non devi captare chiunque, solo questo specifico gruppo.  

  • Capisci e conosci alla perfezione i loro problemi, e questo ti permette di sviluppare un servizio fatto su misura, che si adatta alle loro necessità.  

  • Ti posizioni dall’inizio come specialista in quell’area.  

  • Se sai comprendere le necessità di quella nicchia, e dare soluzioni di qualità, saranno i clienti stessi a cercarti, e non tu a cercare loro.  

 

Come scegliere una nicchia? 

 

Lo puoi fare individuando un’opportunità, scoprendo una necessità o perché stai lavorando su un tema che ti ha particolarmente entusiasmato. Le possibilità sono tante.  

 

Pensa ai tuoi interessi, a cosa ti piace, a cosa ti fa stare bene, a quali sono le tue abilità. Può essere uno sport, un’attività artistica o industriale. In sostanza: una passione.  

 

Come te, ci sono molte altre persone che condividono quell’interesse e passione in tutto il mondo, e quelle persone devono comunicare in qualche modo. Inoltre, esistono imprese che hanno già identificato la loro nicchia, offrendo vari prodotti e servizi.  Anche loro devono arrivare al loro pubblico in diverse lingue. 

 

Essendo parte di quella nicchia (come utente) ne sei già diventato un esperto. Ne capisci, conosci i suoi problemi, e se ci rifletti un po’, sicuramente ti verrà in mente una soluzione nell’area della traduzione. Allora, perché non offrirla?

 

Senza rendertene conto hai già percorso un gran cammino, ora devi solo strutturare la parte linguistica del tema. Guarda quanto sei arrivato lontano!

Ti racconto la mia esperienza 

L’altro giorno leggevo un commento per cui non esistono traduzioni difficili, se non che a volte non siamo così abili come pensiamo. 

Questo è uno dei grandi problemi che affrontiamo come traduttori. Molte volte non riusciamo a decifrare bene il contesto reale del tema da tradurre, e per chi dobbiamo farlo.   

 

Se prima di lavorare come acquirente di macchinari, avessi dovuto tradurre il manuale di una gru, non avrei saputo minimamente da che parte iniziare.  

 

Personalmente, mi sono allontanato da quel mondo, ma oggi, se volessi, potrei tradurre manuali di molti tipi di macchinari. Soprattutto perché ho trascorso 10 anni studiando le loro caratteristiche tecniche, vedendo come lavoravano in campo o come le riparavano in officina.  So come funzionano i macchinari, ma conosco e capisco anche le necessità di chi leggerà quei manuali, perché io ero uno di loro. E questo per qualsiasi cliente non ha prezzo. 

Ti offro un altro esempio

Ti propongo un semplice esercizio: immagina di esserti stancato di tradurre storie cliniche di pazienti che non conosci, contratti, certificati di nascita,  o che hai terminato gli studi ritrovandoti di fronte all’abisso della specializzazione. 

 

D’altra parte, ti appassionano gli sport estremi e pensi a quanto sarebbe bello poter tradurre su questo tema.  

 

Se unissi la traduzione alla tua passione, la tua analisi di nicchia potrebbe essere la seguente:  

 

NICCHIA: Traduzione di sport.

NICCHIA SPECIFICA: Traduzione di sport all’aperto.  

MICRO NICCHIA: Sport estremi.

 

Forse conosci i ragazzi di The Action Sports Translators.  Confermo che si tratta di un gruppo di traduttori amanti degli sport all’aperto, li praticano e traducono per le diverse necessità in quest’area. Sono dei geni!  

 

Si rivolgono in modo molto chiaro ai loro clienti:  

“Capiamo la tua marca, i tuoi prodotti, e i tuoi servizi”.  

Perché li capiscono? Perché li utilizzano.

“Capiamo le persone a cui vuoi parlare”.  

Perché le capiscono? Perché sono loro.

È curioso vedere come la loro PUV (Proposta Unica di Valore) non sia legata alla traduzione:  “Ci differenzia la nostra passione per gli sport estremi all’aperto”.

 

Lo lasciano ben chiaro nella piccola sezione riguardo ognuno di loro, in cui descrivono in dettaglio le lingue che traducono, gli sport che praticano e dove vivono. Non hanno bisogno di aggiungere nulla in più. 

Come scopro se una nicchia funziona? 

Certo, scegliere un tema può essere esaltante, ma bisogna anche investigare.  Sarà necessario sapere se quella nicchia di traduzione esiste ed è redditizia. 

È possibile farlo con Google Trends, o  attraverso i social network. 

Ma se ti vuoi davvero lanciare nel mondo imprenditoriale, una buona idea è mettersi in contatto con gli influencer della nicchia che avrai scelto. Mentre continuerai ad imparare ciò che ti piace, potrai chiedere loro quali problemi affrontano, spiegare a cosa vuoi dedicarti e offrirti spontaneamente. 

 

Magari al principio sarà necessario dare senza ricevere nulla in cambio.  Ma presto la ruota inizierà a girare, e prima che tu possa rendertene conto, sarai diventato uno specialista. 

 

Allora, specializzazione o nicchia? 

 

Abbiamo visto dunque che la specializzazione arriva dopo aver lavorato molto in un’area che magari non hai neanche scelto. In cambio, parlare di nicchia è parlare di un cammino che conosci, che scegli consapevolmente in base alle tue preferenze e abilità, e al quale dedichi tutta la tua energia. Nessuno si stanca di fare qualcosa che gli piace.  

 

Nel caso in cui tu sia agli inizi, o con una specializzazione che non ti entusiasma, scegli una nicchia e dedicati a capire come funziona, quali sono i maggiori esponenti e le loro necessità e pensa che soluzione puoi offrire. 

 

Sì, è necessaria un po’ d’immaginazione, audacia e iniziativa. Dovrai superare molte paure e credenze limitanti per arrivare al tuo sogno. 

 

Ma nel medio termine, se avrai fatto un buon lavoro, sarai diventato un riferimento della traduzione in quella nicchia, ti pagheranno bene per i tuoi servizi e, la parte migliore è che altri traduttori ti chiederanno come lo hai fatto. 


* Paragonabile alla nostra Accademia della Crusca.



Testo tradotto e pubblicato sotto licenza di Letras Nómadas (@letras.nomadas). Tutti i diritti sono riservati. 

Testo originale: https://www.letrasnomadas.com/traductor-especializacion/



Comments

Popular posts from this blog

Incontri - Elisabeth Lopes

Nuovo anno, nuovi incontri. Questo mese abbiamo il piacere di conoscere Elisabeth Lopes, traduttrice e Localization Manager ad ABA English. Una scuola di inglese 100% online, che ha già raggiunto oltre 30.000 studenti in tutto il mondo. Elisabeth potresti raccontarci un po’ della tua infanzia, che trovo molto peculiare?   Quali sono le tue origini? I miei genitori sono nati a Capo Verde, una vecchia colonia portoghese, e si sono trasferiti in Spagna alla fine degli anni Settanta. Sono cresciuta parlando spagnolo (la mia lingua materna), creolo capoverdiano, portoghese e gallego, poiché vivevamo nel nord, in una zona molto vicina alla Galizia. Nel villaggio i miei amici d’infanzia erano tutti figli di immigrati capoverdiani o portoghesi, e a scuola avevamo anche lezioni di portoghese. In questo contesto, ho sempre sentito di far parte di due culture, aspetto comune dei figli di immigrati.    In tutto questo so che hai anche una particolare passione per la lingua italiana, è corretto?  

4 modi in cui la lingua influenza la nostra vita - Riflessioni di Stef

Parlare più lingue può avere per ciascuno un valore diverso, strettamente legato alla propria esperienza. Nel mio caso, è innanzitutto avere la possibilità di trasformarsi in cinque persone diverse. Esagero forse? Può essere, ma per quanto le lingue che conosco siano prevalentemente latine, ognuna ha sfaccettature, espressioni uniche, parole e suoni che, inconsciamente o no, si riflettono nei miei gesti, nel tono della mia voce. Per una persona introversa come me, diventano la scorciatoia perfetta per poter scappare da un "mondo" all'altro, viaggiare anche solo con la mente, rifugiarsi in altre culture...un vero e proprio incantesimo! Ma una lingua può andare ancora oltre; è capace d'influenzare la propria visione del mondo, il modo con cui rapportarsi con gli altri e il contesto che ci circonda. Ecco dunque 4 esempi per cui il linguaggio può modificare la nostra realtà quotidiana.  #1. Bretagna, dove la possessione non esiste      La lingua bretone è ancora molto imp

Incontri - Alan Zeni

  Sono felice di poter aprire questo ciclo di incontri mensili con Alan Zeni, scrittore (e molto altro) originario di Lodi, autore della serie I baci di Za . Una piacevolissima scoperta , una ricca esperienza poetica e visiva, arricchita da una traduzione in inglese.   Alan ci racconti un po' come inizia il tuo percorso? Il contesto  in cui sei cresciuto ha contribuito al tuo avvicinamento al mondo dell'arte? Inizia dentro di me e lì ci resta per tanto, troppo tempo. Che volessi esprimermi, sperimentare, creare qualcosa, mi era chiaro fin dall’infanzia. Da lì a trovare il coraggio e la motivazione per farlo...ci sono voluti 26 anni. Sono cresciuto a pochi chilometri da Milano, in una città architettonicamente bellissima, con una storia interessante, insomma con qualcosa di concreto legato alla bellezza e all’arte. Però una città che non sa trarre né piacere né profitto da tutta questa ricchezza. È una città quella di Lodi che ha sempre guardato alla fame della panza più che all