Skip to main content

Freelance, imprenditore o nomade digitale? Letras Nómadas

 

Di MATI ORTIZ


Secondo Pieter Levels, entro il 2035, il 10 % della popolazione mondiale sarà nomade digitale. Ma allora: cosa significa essere un traduttore freelance? È lo stessa figura del nomade digitale o imprenditore online? 

 

Ovviamente, no.

 

Da quando ho iniziato il mio percorso come imprenditore mi sono reso conto delle differenze esistenti tra un concetto e l’altro, ad esempio: 

  • Un nomade digitale può essere freelance o imprenditore 

  • Un freelance non necessariamente è un nomade digitale, tanto meno un imprenditore.  

  • Un imprenditore non è freelance e tanto meno dev’essere per forza un nomade digitale.  

 

Sì lo so, ti ho confuso ancora di più. Proprio per questo troverai utile ripassare un po’ le caratteristiche di ognuno di questi ruoli.

Caratteristiche di un freelance 

Un traduttore freelance:

Lavora da casa. Dispone di un luogo di preferenza che sarà il suo ambiente di lavoro, e ha bisogno di internet per poter lavorare. Ti dice niente?

 

Decide i suoi orari  e deve avere una grande capacità di organizzazione e autodisciplina. Se non lo fa, la sua produttività sarà compromessa. 

Deve cercarsi la sua promozione,  ma,  nonostante tra freelancer ci sia un certo compagnerismo, la concorrenza può rivelarsi molto dura, e riuscire a differenziarsi dalla massa risulta spesso complicato. 

 

Investe nella sua formazione. Non può restare indietro e capisce che stare al passo con il cambio è sinonimo di maggiori guadagni.  

 

Si abitua a guadagnare in base al tempo che dedica al lavoro, e non può sempre contare su entrate stabili, né benefici aziendali come bonus di fine anno,  previdenza sociale o un giorno prestabilito per ricevere il suo compenso.  

 

Deve risolvere le urgenze da solo, stabilire priorità e rispettare le  deadline (può anche succedere che le tre cose coincidano). Deve avere creatività e autonomia sufficienti per risolvere problemi improvvisi.  

Caratteristiche di un imprenditore online 

Un traduttore imprenditore:

Non solo offre il servizio, ma ha anche un’attività online con cui  disegna strategie che gli permetteranno di ottenere entrate passive e scalabili. 

 

Ha abilità di  como leadership, amministrazione e capacità di networking.

 

Studia le tendenze e sa cosa e come consumano gli utenti di internet.  

 

Gli piace sperimentare (e per questo riesce ad avere esperienza)  con strumenti digitali. 

È consapevole di quanto sia importante avere una tribù o comunità, aiutarla con i suoi problemi e apportare valore al suo pubblico. 

 

È creativo e innovatore, qualità chiave per adattarsi ai cambi e trovare soluzioni nuove ai problemi e le necessità dei suoi clienti.  

 

Assume i rischi, poiché nessun business è completamente sicuro, e sa amministrare le sue risorse. 

 

Di solito le attività online iniziano con poco budget. Bisogna avere chiaro su quali strumenti si vuole investire e con quali talenti collaborare, dipendendo dagli obiettivi da raggiungere.

 

È paziente e persistente, sa che l’esito non sarà immediato, che internet è in costante espansione e che sempre più persone lo stanno utilizzando.

 

È perseverante e resiliente. Capisce che lo sbaglio è un prodotto dell’imprenditoria, e vede nel fallimento l’opportunità di imparare e sviluppare nuove strategie.  

 

Caratteristiche di un nomade digitale: 

 

Un traduttore nomade:

 

Viaggia e lavora allo stesso tempo in qualsiasi parte del mondo, per questo può essere un freelance tanto quanto un imprenditore.  

 

A questo punto devi lasciar andare l’idea per cui un nomade digitale viva di vacanze. Vive viaggiando, e ti assicuro che non è lo stesso. 

 

Esattamente come i freelancer o gli imprenditori online, dipende da internet, per cui si destreggia in luoghi con una buona connessione. 

 

A differenza dei freelancer, e allo stesso modo degli imprenditori, cerca entrate passive, in modo che il denaro non sia un limite in caso in cui non ci sia internet o si rompa il suo PC. O semplicemente cerca di generare un’attività che lo mantenga nel momento in cui decide di abbandonare la vita nomade.  

 

Dev’essere amico degli strumenti  digitali e  resourceful quando si presentano inconvenienti. Immagina che ti si rompa il PC mentre sei in viaggio in Cina!

 

Non ha uno spazio specifico per lavorare.  Il suo ufficio può essere un bar, un coworking o, per i più fortunati,  una sdraio lato piscina in un hotel di Bali. 

 

Lo stile di viaggio, a differenza di altri nomadi, è più rilassato, poiché deve alternare il viaggio con il lavoro. Questa modalità si chiama slow travel e implica avere un orario di lavoro regolare, dedicandosi a visitare e perlustrare solo nei fine settimana.  

 

A differenza di altri viaggiatori o turisti, il nomade digitale, dovuto alle sue abitudini, interagisce di più con la vita locale e con gli abitanti del luogo

 

 

Vive una vita davvero minimalista. Essendo continuamente in viaggio, porta con sé solo l’indispensabile, e questo si riflette di solito in tutti gli ambiti della sua vita. 

 

Nel mio caso, so chi sono. E tu? 

 

Non mi piace categorizzarmi, credo che ognuno sia unico. Ma effettivamente è una buona idea aver chiaro in quale situazione ci si ritrova, per capire da che parte vogliamo andare.  

 

Non mi sbaglierei se dicessi che ora sei un traduttore freelance

 

E la buona notizia è che non devi essere l’uno o l’altro. Se non l’uno e l’altro.  Come avrete notato, le descrizioni non si annullano tra di loro. Al contrario, si sommano e completano.  

 

Tanto meno dev’essere una scelta per tutta la vita, può essere uno stile che si adatta ad ogni tappa del tuo cammino.  

Non vale dire: “Io non sono così”. Ciò che conta è: “Voglio essere così, questo è il mio obiettivo, e voglio arrivarci”. Nessuno è così com’è e basta, anche tu hai la possibilità di cambiare

 

Nel mio caso, vorrei essere un traduttore imprenditore e nomade digitale. Quando ho iniziato non avevo idea di cosa fosse WordPress, inbound marketing o engagement.

 

Il mio sogno era lavorare dove volessi, tanto in casa quanto in qualsiasi altra parte del mondo. Così ho creato questo progetto, che si chiama appunto “Letras Nómadas” (lettere nomadi, che vanno da una parte all’altra, che viaggiano e non mettono radici). 

E così, eccomi qua!

 

E tu, sai già cosa vuoi?

 

Scommetto che vuoi entrate stabili e scalabili, imparare il  networking per aumentare i tuoi clienti, creare un’attività in proiezione e crescita, viaggiare senza biglietto di ritorno, conoscere gente... 

 

Se è così, congratulazioni! Ti dò il benvenuto al business online e al nomadismo digitale. 

 

Ed ora...al lavoro! 

Testo tradotto e pubblicato sotto licenza di Letras Nómadas (@letras.nomadas). Tutti i diritti sono riservati. 

Testo originale: https://www.letrasnomadas.com/traductor-freelance-emprendedor-nomada/

Comments

Popular posts from this blog

Incontri - Elisabeth Lopes

Nuovo anno, nuovi incontri. Questo mese abbiamo il piacere di conoscere Elisabeth Lopes, traduttrice e Localization Manager ad ABA English. Una scuola di inglese 100% online, che ha già raggiunto oltre 30.000 studenti in tutto il mondo. Elisabeth potresti raccontarci un po’ della tua infanzia, che trovo molto peculiare?   Quali sono le tue origini? I miei genitori sono nati a Capo Verde, una vecchia colonia portoghese, e si sono trasferiti in Spagna alla fine degli anni Settanta. Sono cresciuta parlando spagnolo (la mia lingua materna), creolo capoverdiano, portoghese e gallego, poiché vivevamo nel nord, in una zona molto vicina alla Galizia. Nel villaggio i miei amici d’infanzia erano tutti figli di immigrati capoverdiani o portoghesi, e a scuola avevamo anche lezioni di portoghese. In questo contesto, ho sempre sentito di far parte di due culture, aspetto comune dei figli di immigrati.    In tutto questo so che hai anche una particolare passione per la lingua italiana, è corretto?  

4 modi in cui la lingua influenza la nostra vita - Riflessioni di Stef

Parlare più lingue può avere per ciascuno un valore diverso, strettamente legato alla propria esperienza. Nel mio caso, è innanzitutto avere la possibilità di trasformarsi in cinque persone diverse. Esagero forse? Può essere, ma per quanto le lingue che conosco siano prevalentemente latine, ognuna ha sfaccettature, espressioni uniche, parole e suoni che, inconsciamente o no, si riflettono nei miei gesti, nel tono della mia voce. Per una persona introversa come me, diventano la scorciatoia perfetta per poter scappare da un "mondo" all'altro, viaggiare anche solo con la mente, rifugiarsi in altre culture...un vero e proprio incantesimo! Ma una lingua può andare ancora oltre; è capace d'influenzare la propria visione del mondo, il modo con cui rapportarsi con gli altri e il contesto che ci circonda. Ecco dunque 4 esempi per cui il linguaggio può modificare la nostra realtà quotidiana.  #1. Bretagna, dove la possessione non esiste      La lingua bretone è ancora molto imp

Incontri - Alan Zeni

  Sono felice di poter aprire questo ciclo di incontri mensili con Alan Zeni, scrittore (e molto altro) originario di Lodi, autore della serie I baci di Za . Una piacevolissima scoperta , una ricca esperienza poetica e visiva, arricchita da una traduzione in inglese.   Alan ci racconti un po' come inizia il tuo percorso? Il contesto  in cui sei cresciuto ha contribuito al tuo avvicinamento al mondo dell'arte? Inizia dentro di me e lì ci resta per tanto, troppo tempo. Che volessi esprimermi, sperimentare, creare qualcosa, mi era chiaro fin dall’infanzia. Da lì a trovare il coraggio e la motivazione per farlo...ci sono voluti 26 anni. Sono cresciuto a pochi chilometri da Milano, in una città architettonicamente bellissima, con una storia interessante, insomma con qualcosa di concreto legato alla bellezza e all’arte. Però una città che non sa trarre né piacere né profitto da tutta questa ricchezza. È una città quella di Lodi che ha sempre guardato alla fame della panza più che all