Skip to main content

Nasciamo per reinventarci - Vida Simples

 


Di LUCIANA PIANARO

Il cielo era nuvoloso, faceva freddo, ed io ero un po’ triste, come molti di noi in questi mesi. Riflettevo sulla vita, i problemi (che apparivano più grandi di quanto fossero in realtà), sui giorni che mi aspettavano. Decisi di riordinare i miei libri e quaderni, dove trovai questa frase: “Non nasciamo per la morte. Nasciamo per reinventarci”. Non ricordo perché l’avessi scritta, ma mai come in quel momento aveva avuto più senso. 

Reinventarsi è una costruzione permanente di noi stessi. E, molte volte, per costruire, abbiamo bisogno di demolire alcuni concetti e credenze appresi nel nostro percorso. Il problema è che non sempre conosciamo o percepiamo queste barriere interne, che ci impediscono di farci avanzare verso ciò che vogliamo essere, o vivere. Molti pensieri e blocchi sono stati, in qualche modo, introdotti nella nostra mente, già da bambini. 

Che sia attraverso una repressione di genitori o professori, un commento maligno di un compagno o amico, o ancora un blocco generato dai nostri fantasmi interni. È necessaria una forte intenzione a voler capirsi, ricostruirsi. E, soprattutto, sviluppare una forza e un coraggio genuini per affrontare i possibili dolori che verrano da questa lunga e infinita impresa.

E, in quanto il mondo ci ha già dato una lezione di reinvenzione, perché non prendiamo esempio? 


Iniziamo ad analizzare tutto ciò che di noi ci piace o vogliamo cambiare, e allontanarci da ciò che non ha più un senso. Chiedere aiuto di qualcuno di fiducia può aiutare nella percezione. In seguito, perché non creare il progetto ideale del tuo Io? Caratteristiche, valori, qualità. Mi piace scrivere tutto ciò su carta, perché mi aiuta a organizzare i pensieri e analizzarne l’evoluzione. Come trovare il modo per vivere meglio e con più salute, di relazionarsi con più allegria con le persone e il loro lavoro, trasformare il piano B in piano A? 

Hannah Arendt (1906-1975), filosofa tedesca di origine ebrea, fu perseguitata e incarcerata durante il regime nazista. Rimase senza patria, si sposò e divorziò più volte. Visse un’epoca molto oscura dell’umanità, ma non smise mai di reinventarsi. Lasciò un’eredità di idee sull’uguaglianza e libertà ancora rilevanti nei dibattiti politici contemporanei.  In quel giorno nuvoloso e triste, decisi di non lasciarmi abbattere. Indossai un paio di scarpe da ginnastica ed iniziai ad allenarmi, con una musica allegra in sottofondo. Questa piccola reinvenzione funzionò. 

Uscì il sole, almeno dentro di me. Con l’aiuto dell’intenzione, niente di più. 


Luciana Pianaro è amministratrice e imprenditrice. Nell’Aprile del 2018 comprò la marca Vida Simples, con tutto ciò a lei legato, perché la voce costruita dal 2002 non cessasse di esistere. Il suo Instagram è @lucianapianaro

Testo tradotto e pubblicato sotto licenza della rivista brasiliana Vida Simples (@vidasimples). Tutti i diritti sono riservati. 

Testo originale: https://vidasimples.co/colunistas/nascemos-para-nos-reinventar/


Comments

Popular posts from this blog

Incontri - Elisabeth Lopes

Nuovo anno, nuovi incontri. Questo mese abbiamo il piacere di conoscere Elisabeth Lopes, traduttrice e Localization Manager ad ABA English. Una scuola di inglese 100% online, che ha già raggiunto oltre 30.000 studenti in tutto il mondo. Elisabeth potresti raccontarci un po’ della tua infanzia, che trovo molto peculiare?   Quali sono le tue origini? I miei genitori sono nati a Capo Verde, una vecchia colonia portoghese, e si sono trasferiti in Spagna alla fine degli anni Settanta. Sono cresciuta parlando spagnolo (la mia lingua materna), creolo capoverdiano, portoghese e gallego, poiché vivevamo nel nord, in una zona molto vicina alla Galizia. Nel villaggio i miei amici d’infanzia erano tutti figli di immigrati capoverdiani o portoghesi, e a scuola avevamo anche lezioni di portoghese. In questo contesto, ho sempre sentito di far parte di due culture, aspetto comune dei figli di immigrati.    In tutto questo so che hai anche una particolare passione per la lingua italiana, è corretto?  

4 modi in cui la lingua influenza la nostra vita - Riflessioni di Stef

Parlare più lingue può avere per ciascuno un valore diverso, strettamente legato alla propria esperienza. Nel mio caso, è innanzitutto avere la possibilità di trasformarsi in cinque persone diverse. Esagero forse? Può essere, ma per quanto le lingue che conosco siano prevalentemente latine, ognuna ha sfaccettature, espressioni uniche, parole e suoni che, inconsciamente o no, si riflettono nei miei gesti, nel tono della mia voce. Per una persona introversa come me, diventano la scorciatoia perfetta per poter scappare da un "mondo" all'altro, viaggiare anche solo con la mente, rifugiarsi in altre culture...un vero e proprio incantesimo! Ma una lingua può andare ancora oltre; è capace d'influenzare la propria visione del mondo, il modo con cui rapportarsi con gli altri e il contesto che ci circonda. Ecco dunque 4 esempi per cui il linguaggio può modificare la nostra realtà quotidiana.  #1. Bretagna, dove la possessione non esiste      La lingua bretone è ancora molto imp

Incontri - Alan Zeni

  Sono felice di poter aprire questo ciclo di incontri mensili con Alan Zeni, scrittore (e molto altro) originario di Lodi, autore della serie I baci di Za . Una piacevolissima scoperta , una ricca esperienza poetica e visiva, arricchita da una traduzione in inglese.   Alan ci racconti un po' come inizia il tuo percorso? Il contesto  in cui sei cresciuto ha contribuito al tuo avvicinamento al mondo dell'arte? Inizia dentro di me e lì ci resta per tanto, troppo tempo. Che volessi esprimermi, sperimentare, creare qualcosa, mi era chiaro fin dall’infanzia. Da lì a trovare il coraggio e la motivazione per farlo...ci sono voluti 26 anni. Sono cresciuto a pochi chilometri da Milano, in una città architettonicamente bellissima, con una storia interessante, insomma con qualcosa di concreto legato alla bellezza e all’arte. Però una città che non sa trarre né piacere né profitto da tutta questa ricchezza. È una città quella di Lodi che ha sempre guardato alla fame della panza più che all