Skip to main content

Cammino di superamento - Vida Simples

 

Di SUZANA VIDIGAL

Una volta arrivati nel giusto cammino, dovrete solo continuare a camminare

Quando arrivò l’ispirazione per camminare gli 800 km fino a Santiago di Compostela, in Spagna, attraverso la rotta tradizionale del Cammino Francese, apparvero senza sosta persone parlando di qualcuno che ci era già andato. Mi misi alla ricerca di pellegrini per sapere se avevo  la speranza di “sopravvivere” a quell’avventura, se qualcuno in simili condizioni fisiche avesse già fatto il Cammino, e se non stessi definitivamente impazzendo. 

Tre anni dopo, entrai nella basilica di Santiago per assistere alla messa dei pellegrini, che riempie il cuore dei girovaghi di tutto il mondo, trasformandosi in quella voce che stavo cercando quando decisi di camminare. Per chi dubitasse ancora se camminare sia un modo efficiente, delizioso e intimo di trovare la propria forza interiore nel mezzo del rumore quotidiano, la confusione degli obblighi e le sfide della vita...gambe in spalla! Se posso essere d’ispirazione per qualcuno, come io stessa sono stata ispirata dalle tante storie raccolte nella mia ricerca, vorrà dire che anche questo farà parte della mia esperienza. 

Decisi di fare il Cammino con nove mesi di anticipo. I nove mesi non sono stati una coincidenza, ma un segnale, che io avrei percepito solo più tardi. Era lo stesso tempo di una gestazione, tempo necessario per prendermi cura di me, analizzare le mie emozioni, preparare il mio zaino, raccogliere il mio coraggio e avere la certezza che anche questo “figlio” avrebbe cambiato la mia vita per sempre. Forza interiore, di nuovo, che mi sconvolgeva poco a poco e mi spingeva ad andare avanti.  

E fu così che ascoltai il mio cuore. Arrivai a 790 km in 31 giorni. Furono giorni di vulnerabilità, di decisioni, di percezione del mio corpo che chiedeva una pausa, di tanta umiltà per fermarsi e riposare. Non è tutto rose e fiori, esattamente come la vita.  E infatti, mi dissero che il Cammino era proprio come la vita: c'è freddo e calore; allegria e tristezza; coraggio e paura; pioggia e sole. È lo stesso. Uno zaino che carica solo le cose essenziali, una forza interiore che chiude le porte del passato, abbandona ciò che ci fa del male, carica solo quello che per noi ha un senso. 



Trascorsi tre anni, ho festeggiato di nuovo e silenziosamente, al suono dei miei passi che tanto riempiono di musica quel mio camminare, il terzo anniversario di quella terza e insolita gestazione. E sono addirittura riuscita ad avere un regalo, il cinema, che mi fa sempre tanto bene! A quanto pare era arrivato il momento di parlarne di nuovo, di ricordare e condividere, di emozionarsi con ogni ricordo impresso nella mia memoria. Camino Skies* mostra il pellegrinaggio di sei persone dall’Australia e Nuova Zelanda fino a Santiago.  Un documentario semplice, nella forma e nei contenuti, con una bella fotografia che mostra un po’ di ciò che è la natura di Navarra, Castilla e León, Galizia. Perché è necessaria questa  finezza per mostrare l’essenza del Cammino. L’essenza e la forza interiore che nascono insieme a questa decisione. Le persone non sanno da dove vengono, né dove andranno, sanno solo che l’importante è camminare, che una forza interna muoverà il loro corpo, mente e anima, facendole evolvere. 


Suzana Vidigal è traduttrice, giornalista e cinefila. Le piace pensare che ogni film si abbini ad uno stato d’animo, ma le piace ancora di più condividere le esperienze che ogni film risveglia in lei. Nel 2009 creò il blog Cine Garimpo (www.cinegarimpo.com.br e @cinegarimpo) dove apporta suggerimenti di film da assaporare e su cui riflettere. 


* Nome originale. Il documentario viene citato nella versione portoghese Caminho da superação, ma non ho trovato nessuna corrispondenza in italiano.


Testo tradotto e pubblicato sotto licenza della rivista brasiliana Vida Simples (@vidasimples). Tutti i diritti sono riservati. 

Testo originale: https://vidasimples.co/colunistas/caminho-da-superacao/

Comments

Popular posts from this blog

La chiave per ottenere clienti - Letras Nómadas

  Di MATI ORTIZ Una delle richieste che ricevo più spesso è come ottenere clienti di traduzione.  Nonostante non esistano formule magiche, in questo post ti spiego il processo più efficace per captare non solo nuovi, ma anche migliori clienti.   A che punto siamo Si stima che l’85% dei lavori che esisteranno nel 2030 non siano ancora stati creati.   Perché tu possa farti un’idea, nel 1989 (quando avevo 9 anni) solo il 6% della popolazione degli USA era freelance. Nel 2020, si è arrivati a circa il 43%. Un altro pronostico è che entro il 2035 il 25% della popolazione mondiale sarà freelance.    Ciò significa che 2.125 milioni di persone saranno nella stessa situazione in cui ti trovi ora, cercando di ottenere clienti in un mondo sempre più competitivo.   Come cambierà il lavoro freelance Voglio essere sincero. Per me questa situazione è tanto incoraggiante quanto devastante allo stesso tempo . Devastante, perché questo tipo di lavoro arriverà ad essere sempre più precario, per la mancan

Cinque idee per semplificare la vita oggi stesso - Vida Simples

Di GISELA GARCIA Molte persone vogliono alleggerire le loro giornate, ma non sanno da dove iniziare. Qualche giorno fa, ho trovato il pezzo di carta su cui avevo fissato i miei “obiettivi per il 2021”. Insomma, una di quelle liste che si scrivono a fine anno. La mia iniziava con: “avere una vita più semplice”.   In quel periodo, il mio obiettivo era rimuovere tutto ciò che fosse superfluo e eliminabile, per concentrarmi in ciò che era davvero importante. Ma già nei primi mesi, mi resi conto che si trattava di una strategia fragile.   Semplificare la vita può essere una sfida.  Questo è successo perché pensavo alla semplicità come una rivoluzione assoluta, un cambio drastico di comportamento, pensiero e atteggiamento. Era o tutto o niente. In questo modo, invece di semplificare, ho finito per complicare ancora di più la mia vita quotidiana, con doveri che andavano al di là di quanto potessi gestire.  Negli ultimi mesi però, ho scoperto che è necessario fare esattamente il contrario. Il

Traduttori ed emozioni - Letras Nómadas

Di MATI ORTIZ   Là dove gli altri vedono solo traduttori, io vedo persone. Persone con paure, allegria, rabbia e sorprese: essere umani con emozioni.  Persone coraggiose, responsabili, professionali, che si dedicano al loro lavoro con impegno e passione.  Ma che si divertono anche, si sorprendono, soffrono, si preoccupano e si scoraggiano. Tutto questo è incluso nel mix esplosivo di un giorno di traduzione.   Parliamo sempre di come venderci, come ottenere clienti, come prenderci cura della nostra salute, di produttività e strumenti online...ma poche volte parliamo di conoscerci e ascoltarci.    E proprio di questo tratta l’articolo: analizzare le emozioni che vivono in te per trovare in loro segnali che indicano il cammino quando ti perdi, ti senti angosciato o frustrato.   Di identificare la voce della propria saggezza , che molte volte viene zittita dal rumore della vita quotidiana.   D’essere (ogni giorno) un po’ più cosciente nel prendere migliori decisioni non solo dettate dall