Skip to main content

Nelle nostre radici ci ritroviamo - Vida Simples



Di TIAGO BELOTTE

Hai mai guardato a lungo una foresta? Alberi ed alberi si estendono su un grande pezzo di terra come un’enorme macchia, in forme uguali. Ma non ingannarti, non lo sono. Guardando ognuno di loro, molto attentamente, è possibile osservare: sono diversi. Cortecce più fini, più spesse, alcune lisce, altre più rugose. Tronchi enormi che non entrano in un abbraccio, steli fini che possono essere stretti in una mano. Foglie più lunghe, più corte, di un verde più scuro o di un verde così chiaro da far pensare alla speranza.

Parlando di speranza, la mia non muore. Siamo come questi alberi, in forme diverse, in sostanza tanto uguali. La ricerca di un posto al sole, per garantire la sopravvivenza. La necessità di combattere la resistenza del suolo, ancora semi. La fragilità dei primi anni, che nella pioggia più forte o un calpestio distratto, possono significare l’inizio e la fine. La capacità di trasformarsi, di offrire fiori, frutti, e moltiplicarsi. 

Da lontano, sembriamo tutti la stessa cosa. Da vicino, ci percepiamo diversi. Ognuno unico, con le sue caratteristiche e le sue scelte. Bianchi, neri, indigeni, asiatici, europei, nordamericani, gay, eterossessuali, trans, donne, uomini o di un terzo genere. E il punto finale non chiude la lista. Pur non riconoscendo alcune condizioni e caratteristiche delle altre persone, non possiamo fingere che queste non facciano parte della grande foresta umana, meritando riconoscimento e rispetto. 



Ciò che tutti cerchiamo, così come gli alberi, è un posto al sole. E attenzione, stiamo parlando di un astro capace di illuminare tutta la Terra. Perché allora insistiamo a voler far ombra nella vita degli altri? Perché non percepiamo che cosa ci rende ciò che siamo, non è solo la nostra individualità, sono gli altri. Gli alberi sono, perché la foresta è. Non esiste condizione umana possibile centrata nell’io, senza l’esistenza e l’affermazione del noi. 

Quando un albero cade, non è solo un albero. È una parte della foresta che se ne va e non sarà mai la stessa. Può sembrare qualcosa di isolato, ma non lo è. La foresta sente. Dagli alberi agli uccellini. Dagli insetti alle persone. Tutto è collegato.

Per quanto possiamo allontanarci e stare in posizioni diverse. Per quanto abbiamo i  nostri pensieri, posture, modi di fare, abbiamo le stesse radici. Ed è la nelle radici che ci tocchiamo, ci convolgiamo e sosteniamo. Come gli alberi, da cui abbiamo tanto da imparare.



Tiago Belotte è fondatore e curatore di CoolHow – laboratorio di educazione corporativa che aiuta persone e aziende a connettersi con le nuove abilità della Nuova Economia. È anche professore di ricerca e analisi di tendenze nell’Università PUC Minas e Uni-BH. Il suo Instagram é @tiago_belotte

Testo tradotto e pubblicato sotto licenza della rivista brasiliana Vida Simples (@vidasimples). Tutti i diritti sono riservati. 


Testo originale: https://vidasimples.co/colunistas/nas-nossas-raizes-nos-encontramos/

Comments

Popular posts from this blog

Incontri - Elisabeth Lopes

Nuovo anno, nuovi incontri. Questo mese abbiamo il piacere di conoscere Elisabeth Lopes, traduttrice e Localization Manager ad ABA English. Una scuola di inglese 100% online, che ha già raggiunto oltre 30.000 studenti in tutto il mondo. Elisabeth potresti raccontarci un po’ della tua infanzia, che trovo molto peculiare?   Quali sono le tue origini? I miei genitori sono nati a Capo Verde, una vecchia colonia portoghese, e si sono trasferiti in Spagna alla fine degli anni Settanta. Sono cresciuta parlando spagnolo (la mia lingua materna), creolo capoverdiano, portoghese e gallego, poiché vivevamo nel nord, in una zona molto vicina alla Galizia. Nel villaggio i miei amici d’infanzia erano tutti figli di immigrati capoverdiani o portoghesi, e a scuola avevamo anche lezioni di portoghese. In questo contesto, ho sempre sentito di far parte di due culture, aspetto comune dei figli di immigrati.    In tutto questo so che hai anche una particolare passione per la lingua italiana, è corretto?  

4 modi in cui la lingua influenza la nostra vita - Riflessioni di Stef

Parlare più lingue può avere per ciascuno un valore diverso, strettamente legato alla propria esperienza. Nel mio caso, è innanzitutto avere la possibilità di trasformarsi in cinque persone diverse. Esagero forse? Può essere, ma per quanto le lingue che conosco siano prevalentemente latine, ognuna ha sfaccettature, espressioni uniche, parole e suoni che, inconsciamente o no, si riflettono nei miei gesti, nel tono della mia voce. Per una persona introversa come me, diventano la scorciatoia perfetta per poter scappare da un "mondo" all'altro, viaggiare anche solo con la mente, rifugiarsi in altre culture...un vero e proprio incantesimo! Ma una lingua può andare ancora oltre; è capace d'influenzare la propria visione del mondo, il modo con cui rapportarsi con gli altri e il contesto che ci circonda. Ecco dunque 4 esempi per cui il linguaggio può modificare la nostra realtà quotidiana.  #1. Bretagna, dove la possessione non esiste      La lingua bretone è ancora molto imp

Incontri - Alan Zeni

  Sono felice di poter aprire questo ciclo di incontri mensili con Alan Zeni, scrittore (e molto altro) originario di Lodi, autore della serie I baci di Za . Una piacevolissima scoperta , una ricca esperienza poetica e visiva, arricchita da una traduzione in inglese.   Alan ci racconti un po' come inizia il tuo percorso? Il contesto  in cui sei cresciuto ha contribuito al tuo avvicinamento al mondo dell'arte? Inizia dentro di me e lì ci resta per tanto, troppo tempo. Che volessi esprimermi, sperimentare, creare qualcosa, mi era chiaro fin dall’infanzia. Da lì a trovare il coraggio e la motivazione per farlo...ci sono voluti 26 anni. Sono cresciuto a pochi chilometri da Milano, in una città architettonicamente bellissima, con una storia interessante, insomma con qualcosa di concreto legato alla bellezza e all’arte. Però una città che non sa trarre né piacere né profitto da tutta questa ricchezza. È una città quella di Lodi che ha sempre guardato alla fame della panza più che all