Skip to main content

Gli angeli del cammino - Vida Simples




Di JULIANA REIS

Gli incontri e le persone che ci cambiano, lungo la strada, senza rendercene conto 

La porta della metropolitana si aprì. Dall’altra parte c'era lei, fissando i miei occhi spaventati. Ignorava le spinte della folla. Capelli bianchi, cane in braccio. Accennò un “Seguimi”. Cercai di accompagnarla arrampicandomi sulle scale, schivando le persone. Lei sorpassò uno, due, tre angoli e si fermò all’improvviso. Indicò la fine di un vicolo: “Allez!”. Eccolo...l’unico ostello con letto disponibile in tutta la città. Erano le 21 inoltrate, faceva freddo e piovigginava. Questa fu la partenza del mio primo grande viaggio. Venivo da un’ora in piedi dentro una metro in panne nei sotterranei di Parigi. Pativo, dentro un cappotto pesante, portando la valigia imbottita di superfluo.  Inesperta, piansi discretamente. Volevo desistere. Fino a che la porta si aprì all’ultima stazione nei limiti della città, e quella donna lo impedì. 

Il mio primo angelo del cammino apparve anni fa, e sparì senza che potessi ringraziare. Senza il suo strano incentivo, non avrei conosciuto gli altri. Incontrai il guaritore che salvò i miei polpacci contusi nel Cammino di Santiago di Compostela. Como cura definitiva, mi prescrisse di lasciar andare il passato. In seguito Roar mi ospitò nelle isole Lofoten, in Norvegia. Scontroso come nessun’altro, mi insegnò a pescare e pulire il pesce. In uno dei Paesi più cari al mondo, riuscì a farmi mantenere per dieci giorni con ciò che l'Oceano Artico aveva da offrire. Gratuitamente. Roar stimava i veri viaggiatori e metteva in fuga (letteralmente!) i turisti piagnucoloni, in crisi per essere al di fuori della loro zona di conforto.


Un altro incontro simile fu con Valentina. Si prese cura di me nelle 32 ore di uno spaventoso viaggio in Ucraina. Ricordo anche l’autista dell’autobus all’interno della Francia che notò il mio sconforto nello specchietto retrovisore, e disse: “Scendi, cammina sulla collina per quattro chilometri e avrai una sorpresa”. Seguì le istruzioni. Entrai in un villaggio medievale, e quella notte, mi riconfortai nella stanza di un castello tutto per me. 

I legami che mi uniscono ad ognuna di quelle persone si disfano delicatamente con il tempo. Questi amici sono angeli nel cammino. Appaiono nei viaggi, insegnano, trasformano e se ne vanno. 

JULIANA REIS è una viaggiatrice dal cuore inquieto, in cerca di storie, persone, luoghi ed esperienze che la cambino e la facciano evolvere. Scrive mensilmente per Vida Simples. @viagenstrasformadoras

Testo tradotto e pubblicato sotto licenza della rivista brasiliana Vida Simples (@vidasimples). Tutti i diritti sono riservati. 


Testo originale: https://vidasimples.co/colunistas/os-anjos-do-caminho/




Comments

Popular posts from this blog

Incontri - Elisabeth Lopes

Nuovo anno, nuovi incontri. Questo mese abbiamo il piacere di conoscere Elisabeth Lopes, traduttrice e Localization Manager ad ABA English. Una scuola di inglese 100% online, che ha già raggiunto oltre 30.000 studenti in tutto il mondo. Elisabeth potresti raccontarci un po’ della tua infanzia, che trovo molto peculiare?   Quali sono le tue origini? I miei genitori sono nati a Capo Verde, una vecchia colonia portoghese, e si sono trasferiti in Spagna alla fine degli anni Settanta. Sono cresciuta parlando spagnolo (la mia lingua materna), creolo capoverdiano, portoghese e gallego, poiché vivevamo nel nord, in una zona molto vicina alla Galizia. Nel villaggio i miei amici d’infanzia erano tutti figli di immigrati capoverdiani o portoghesi, e a scuola avevamo anche lezioni di portoghese. In questo contesto, ho sempre sentito di far parte di due culture, aspetto comune dei figli di immigrati.    In tutto questo so che hai anche una particolare passione per la lingua italiana, è corretto?  

Incontri - Alan Zeni

  Sono felice di poter aprire questo ciclo di incontri mensili con Alan Zeni, scrittore (e molto altro) originario di Lodi, autore della serie I baci di Za . Una piacevolissima scoperta , una ricca esperienza poetica e visiva, arricchita da una traduzione in inglese.   Alan ci racconti un po' come inizia il tuo percorso? Il contesto  in cui sei cresciuto ha contribuito al tuo avvicinamento al mondo dell'arte? Inizia dentro di me e lì ci resta per tanto, troppo tempo. Che volessi esprimermi, sperimentare, creare qualcosa, mi era chiaro fin dall’infanzia. Da lì a trovare il coraggio e la motivazione per farlo...ci sono voluti 26 anni. Sono cresciuto a pochi chilometri da Milano, in una città architettonicamente bellissima, con una storia interessante, insomma con qualcosa di concreto legato alla bellezza e all’arte. Però una città che non sa trarre né piacere né profitto da tutta questa ricchezza. È una città quella di Lodi che ha sempre guardato alla fame della panza più che all

Come superare la paura a vendersi come traduttori - Letras Nómadas

  Di MATI ORTIZ Come traduttore, provavo terrore all’idea di vendere i miei servizi.  Sì, la parola è proprio questa, terrore. E perché negarlo, odiavo con tutto me stesso doverlo fare.  Pensavo fosse sbagliato, che fosse sinonimo di pratiche scorrette, fraudolente, ero persino arrivato a pensare che vendersi significasse essere poco sincero e poco trasparente.  Il cammino imprenditoriale mi è servito per cambiare questo concetto.   E nonostante all’inizio sia stata dura, sono poi riuscito a far pace con la vendita. Oggi non mi fa più paura espormi e raccontare al mondo cosa faccio e con chi lo faccio. Ho fiducia nella qualità dei miei servizi di traduzione e copywriting, e nelle mie tariffe.  Ma so che lì fuori ci sono ancora molti traduttori che hanno paura nel promuoversi, mostrarsi, e vendersi, ed è del tutto normale , poiché nessuno ci ha mai insegnato a farlo.   Ogni volta in cui menziono ai traduttori il “vendere i nostri servizi”, noto le stesse espressioni di paura, spavento